Home / Cronaca / FIRENZE – No di Morganti alla Moschea nell’aula Bunker
Una moschea, sul cui minareto si può osservare un muezzin che richiama la comunità islamica alla preghiera.
Una moschea, sul cui minareto si può osservare un muezzin che richiama la comunità islamica alla preghiera.

FIRENZE – No di Morganti alla Moschea nell’aula Bunker

L’europarlamentare Claudio Morganti  (Europa della Libertà e della Democrazia) bolla come folle l’idea della comunità  islamica di Firenze, annunciata gli scorsi giorni dall’Imam Izzedin Elzir,  di acquistare l’ex aula  bunker per costruirvi una moschea. La disapprovazione dell’On. Morganti si basa soprattutto su ragioni di sicurezza, poiché “È impossibile pensare ad una moschea a due passi dal centro cittadino e in una zona già di per sé molto popolata. Una moschea lì causerebbe inevitabilmente problemi di sicurezza” ed afferma che quindi “le dichiarazioni dell’Imam Izzedin Elzir sono farneticanti” augurandosi che “nessuno, con un minimo di ragionevolezza e di buon senso, prenda in considerazione questa proposta”.  L’europarlamentare propone piuttosto come soluzione definitiva alla comunità islamica fiorentina di usufruire della nuovissima moschea di Colle Val d’Elsa, “finanziata coi soldi di MpS e sufficiente ad ospitare tutti i fedeli dell’area fiorentina”. Dunque, conclude, “Che vadano a pregare lì e non si cimentino in idee folli”.

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.