Home / Firenze / FIRENZE – Middle East Now, il festival del cinema del Medio Oriente
cinema-medioriente

FIRENZE – Middle East Now, il festival del cinema del Medio Oriente

Dal 4 al 9 aprile torna a Firenze l’ottava edizione di Middle East Now con il volto più “urban” del Medio Oriente contemporaneo

Giunge all’ottava edizione un festval fiorentino dedicato soprattutto al Medioriente (e al Nord Africa) dove il cinema è protagonista, ma saranno presenti anche altri arti, quali la musica, il cibo, la fotografia etc.

arabi

Il Medio Oriente contemporaneo torna da protagonista a Firenze dal 4 al 9 aprile 2017, con la 8ª edizione di Middle East Now, il festival internazionale di cinema, documentari, arte contemporanea, musica, food, incontri ed eventi ideato e organizzato dall’associazione culturale Map of Creation. L’evento si terrà tra Cinema La Compagnia – nuova main location del festival – Cinema Stensen e altre location, con un ricco programma di proiezioni ed eventi speciali, nell’ambito del cartellone della Primavera di Cinema Orientale. Il tema del festival 2017 è Urban Middle East, per indagare la dimensione urbana della vita in Medio Oriente e le città come metafora della complessità del vivere in questa parte del mondo, ma anche luogo di creatività e di espressione culturale.

sorelle-arabe45 film – quasi tutti in anteprima italiana ed europea – tra lungometraggi, documentari, film d’animazione e corti, premiati nei principali festival di tutto il mondo, per un intenso viaggio cinematografico che tocca tanti Paesi – Iran, Iraq, Kurdistan, Libano, Israele, Libia, Palestina, Egitto, Giordania, Emirati Arabi, Yemen, Afghanistan, Siria, Bahrein, Algeria, Marocco e Oman – e le società e le culture dell’area mediorientale, mai come oggi al centro dell’attenzione della politica e dei media internazionali.

Film d’apertura del festival sarà l’anteprima italiana di The last man in Aleppo, di Feras Fayyad e Steen Jahannessen, acclamato e potente documentario co-diretto dal regista siriano Feras Fayyad e dal danese Steen Johannessen, vincitore del Grand Jury Prize all’ultimo Sundance Film Festival. Realizzato in gran parte con materiali video girati da attivisti sul campo, il film proietta il pubblico nella vita quotidiana dei volontari del corpo di soccorso “White Helmets” di Aleppo, che supportano i loro concittadini tra i pericoli di una città martoriata dalla guerra.aleppo

Tra gli highlights di questa edizione il focus dedicato all’Egitto, con una selezione di anteprime che raccontano il paese in un momento più che mai critico della sua storia recente. Tra i titoli il capolavoro In the Last Days of the City di Tamer Elsayed, sinfonia dedicata al Cairo; il film di debutto Whitered Green del regista Mohammed Hammad, miglior opera prima al festival di Dubai; i documentari Whose Country? di Mohamed Siam, ritratto impietoso di un paese attraverso le vicende di un gruppo di poliziotti del Cairo; Happily Ever After, sulla tormentata storia d’amore post-rivoluzione dei due registi Nada Riyadh e Ayman El Amir; e anche il pluripremiato lungometraggio Ali, The Goat and Ibrahim del giovane talento Sherif Elbendary, road movie e grande storia d’amicizia tra due giovani outsider.

Society constrains the definition of a divorcee. What you can or can't do, remains under the control of others. As an independent single mother, I've made peace with the sacrifices i've had to make, but also managed to find happiness on my own. Nassiba, fashion designer. Jeddah

Society constrains the definition of a divorcee. What you can or can’t do, remains under the control of others. As an independent single mother, I’ve made peace with the sacrifices i’ve had to make, but also managed to find happiness on my own.
Nassiba, fashion designer. Jeddah

E ancora il documentario dall’Iraq “Nowhere to Hide” di Zaradasht Ahmed (Iraq, Norvegia, Svezia, 2016, 78′), vincitore dell’ultima edizione del festival IDFA, sull’incredibile storia dell’infermiere Nori Sharif, e sulla sua resistenza quotidiana nel cosiddetto “triangolo della morte”, la zona più pericolosa del centro dell’Iraq; da Israele “Junction 48” presentato alla presenza del regista Udi Aloni, vincitore del Premio del pubblico alla Berlinale e del Best International Narrative Feature al Tribeca Film Festival, sui sogni di realizzazione personale attraverso la musica di un gruppo di giovani arabi della città ghetto mista arabo-israeliana Lod, con gravi problemi di integrazione, capitanati dal cantante hip hop Tamer Nafer, frontman del gruppo palestinese Dam; “Ladies First: Saudi Arabia’s Female Candidates” di Mona El-Naggar e Adam Bolt, in cui la giornalista del New York Times Mona El-Naggar intervista Fadia, Reem, e Loujain, le prime tre candidate donne alle elezioni politiche in Arabia Saudita.

Tra gli eventi speciali la mostra “Saudi tales of Love” di Tasneem Alsultan, giovane fotografa saudita, con un progetto che racconta storie personali di amore, divorzi e “guardiania” maschile, nei ritratti di donne che hanno fatto scelte coraggiose in Arabia Saudita, alla Fondazione Studio Marangoni, dal 8 aprile al 13 maggio; sempre alla Fondazione Studio Marangoni la mostra di video e foto installazioni “Ali Baba Can’t Be Found Here” del giovane artista Chndy, protagonista della residenza in collaborazione con Crossway Foundation; l’installazione “Urban Sound from Beirut to Casablanca” delle sorelle marocchino-libanesi Harakat Sisters, fashion designer dallo spirito nomade e dalla creatività pop middle east, che sarà presentata sabato 7 aprile alla Boutique Nadine; la partecipazione dello chef Philip Juma, astro nascente della Iraqi cuisine e fondatore del progetto Juma Kitchen (ristoranti pop up e serate a tema sempre sold out a Londra), che sarà protagonista di un corso di cucina alla Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu. Inoltre, due lezioni con Maha Yacoub, la più nota insegnante di arabo on line, con migliaia di follower su Youtube, dedicati alle frasi semplici da utilizzare nella vita di tutti i giorni, dalla Palestina al Marocco; e la presenza di Bachar Mar-Khalifé compositore e polistrumentista franco-libanese.

Middle East Now è organizzato dall’associazione culturale Map of Creation, con la direzione artistica di Lisa Chiari e Roberto Ruta, il contributo di Regione Toscana, Comune di Firenze, Ente Cassa di Risparmio di Firenze – Osservatorio per le Arti Contemporanee, Oxfam Italia, Gruppo Why the Best Hotels Firenze, The Arab Fund for Arts and Culture (AFAC), con il supporto di FST-Fondazione Sistema Toscana, Quelli della Compagnia, New York University Florence – Villa La Pietra, Ponte33, Azalai Travel Design, in partnership con Fondazione Istituto Stensen, Meltin’Concept / Let7, Fondazione Studio Marangoni, e altre istituzioni e partner locali e internazionali.

ll festival è inserito nel cartellone della Primavera di Cinema Orientale, realizzato per Regione Toscana da Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana.

Scarica qui il programma completo: programma_menf_2017

Middle East Now
4-9 aprile 2017
Cinema La Compagnia, Stensen e altri luoghi
programma, orari e biglietti su
www.middleastnow.it

facebook.com/middleastnow
twitter.com/Film_ME_NOW
instagram.com/middleastnow.festival
#menow8

Middle East Now Festival
Roberto Ruta
robertoruta@gmail.com
T.338.9868969
info@middleastnow.it

Fonte: Ester di Leo

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.