Home / Eventi e cultura / FIRENZE – Cabaret: ‘Ci si becca al ferramenta’
paolo degl'innocenti vincitore concorso fabbrica comicità

FIRENZE – Cabaret: ‘Ci si becca al ferramenta’

Lo spettacolo comico Ci si becca al ferramenta di Paolo Degl’Innocenti,  il 26, 27 e 28 gennaio 2016 al Teatro Le Laudi di Firenze

Dopo la vittoria, a suon di risate, dell’ultima edizione 2015 del concorso nazionale di cabaret La fabbrica della comicità – Comici o miseria, Paolo Degl’innocenti porta sul palco del Teatro Le Laudi di Firenze il suo spettacolo Ci si becca al ferramenta, prodotto dalla SPManagement. Tre le date attese, il 26, 27 e 28 gennaio (inizio spettacolo ore 21.30), che si preannunciano esilaranti grazie al talento mostrato dal comico toscano di Pontedera, che nel settembre scorso non a caso si aggiudicò il premio del concorso nazionale per comici emergenti, superando prima una selezione tra oltre cento artisti e poi spopolando in finale.locandina

Il suo nuovo spettacolo si sviluppa in un divertente monologo di un’ora e mezza, dove racconta, a modo suo, la sua esperienza nel mondo del cabaret, all’interno di un improbabile negozio di ferramenta, dove, tra strani clienti e un proprietario ancor più strano, accadono episodi divertenti che sono poi lo specchio di una realtà quotidiana dal quale scaturiscono le sue battute. L’unico personaggio che accompagnerà Paolo Degli Innocenti nello spettacolo sarà un “imbonitore televisivo” interpretato dal presentatore e conduttore Stefano Baragli. Due ore all’insegna delle risate e dell’allegria.

Ci si becca al Ferramenta di e con Paolo Degl’Innocenti vincitore del concorso nazionale ‘La Fabbrica della comicità‘ 2015 26 – 27 – 28 gennaio 2016 Teatro Le Laudi – Firenze via Leonardo da Vinci 2r Per informazioni e prevendite: SPManagement 347-3624297 / 3460165233.

Fonte: Ufficio stampa Leonardo Colapietro

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.