Home / Arezzo / Debutta il drogometro della Polizia Stradale a Firenze
FIRENZE -DROGOMETRO - FOTO

Debutta il drogometro della Polizia Stradale a Firenze

Da oggi, a Firenze, la Polizia di Stato ha un’arma in più a difesa della sicurezza sulle strade. Infatti, anche all’ombra del David è arrivato il drogometro, che consente di scoprire subito chi guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Lo strumento, già utilizzato con successo nei mesi scorsi ad Arezzo e Livorno, è stato sperimentato stamane vicino il casello autostradale di Firenze sud, in applicazione di una specifica strategia operativa, attuata su input del Servizio Polizia Stradale e della Direzione Centrale di Sanità del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Circa 30 poliziotti, tra Questura e Stradale, hanno presidiato il territorio, avvalendosi di unità cinofile antiesplosivo e antidroga. All’operazione ha partecipato anche un Medico della Polizia di Stato, addestrato all’uso del drogometro.

Gli automobilisti sospetti sono stati invitati a salire a bordo di un ufficio mobile, ove il medico ha prelevato un campione di saliva per effettuare il test. Nessuno è risultato positivo. In precedenti operazioni effettuate a Livorno e Arezzo, il drogometro ha consentito alla Polstrada di ritirare la patente a 8 persone, risultate positive.

Complessivamente, sulle strade di Firenze sono stati fermati stamane più di 100 veicoli e controllate 120 persone. I poliziotti, al termine del servizio, erano soddisfatti, poiché quasi tutti gli automobilisti guidavano correttamente. Infatti, sono state solo 6 le infrazioni al codice della strada contestate: tra esse, un italiano di 50 anni usava una BMW con gomme troppo lisce, come quelle che montano i piloti di Formula 1, mentre in una Fiat Idea sono state trovate ben 6 persone a bordo.

“Correttezza”, hanno commentato appagati i poliziotti, “frutto anche delle numerose campagne informative sulla cultura di una guida sicura”.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.