Home / Ambiente e Agricoltura / Dalle raccolte differenziate compost di prima qualità per i terreni agricoli
compost
compost

Dalle raccolte differenziate compost di prima qualità per i terreni agricoli

Comune di Pontassieve AER Spa, Publiambiente e Frescobaldi insieme per chiudere in maniera virtuosa il ciclo del materiale verde ed organico recuperato con le raccolte differenziate. Interessati i terreni della tenuta Frescobaldi di Remole a Sieci

PONTASSIEVE – I materiali organici raccolti nei Comuni della Valdisieve, serviti da AER Spa, saranno selezionati e trasformati in compost di alta qualità presso l’impianto di Faltona, nel Comune di Borgo San Lorenzo, gestito da Publiambiente. Il compost in uscita dall’impianto sarà reimpiegato dall’Azienda Agricola Frescobaldi, che produce da 700 anni vini toscani di grande qualità, rinomati sia in Italia che all’estero. Tutto questo è il fulcro di un progetto possibile grazie alla collaborazione tra le due aziende di igiene urbana e l’Azienda Frescobaldi. “Obiettivo del progetto – spiega l’Assessore all’ambiente Leonardo Pasquini – è il recupero dei materiali organici prodotti sul territorio con un reimpiego diretto sull’area interessata”.

Il compost in uscita dall’impianto, risultato di un processo di lavorazione rispondente a standard di alta qualità ed efficienza certificati, verrà reimpiegato dall’Azienda Frescobaldi per fertilizzare i terreni post aratura, prima della sostituzione delle colture esistenti con altre, in particolare – come spiegato dal responsabile tecnico della azienda Michele Brandi nel corso di una conferenza stampa al Castello di Nipozzano – nella tenuta di Poggio a Remole nel Comune di Pontassieve, che ospiterà vigneti e oliveti con il compost che ne migliorerà la fertilità aumentando la matrice organica.

Indubbio è, inoltre, il benefit di questo progetto dal punto di vista ambientale per il territorio. Realizzare il conferimento ad un impianto vicino al territorio, nel dettaglio, implica un minor impatto dal punto di vista veicolare, un’ottimizzazione dei costi e soprattutto permette di recuperare i materiali e reinserirli in cicli produttivi sul territorio.

fonte: Comune di Pontassieve