Home / Ambiente e Agricoltura / Confesercenti, SOS a Renzi per salvare il Tuscany
Via_Cassia

Confesercenti, SOS a Renzi per salvare il Tuscany

SOS a Renzi ! ‘Non vogliamo una colata di scaffali che offuscano i cipressi della Val d’Orcia’ Dichiarazione di Massimo Biagioni, Direttore Regionale di Confesercenti

‘Dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale, Confesercenti Toscana lancia un SOS a Renzi affinché l’invasione di grandi strutture di vendita nella Toscana si fermi. A questo punto non rimane che appellarsi al Presidente del Consiglio e al suo amore per la Toscana.

La sentenza della Corte Costituzionale che ancora una volta cancella leggi della Regione Toscana per favorire gli interessi delle grandi imprese è veramente preoccupante e getta un’ombra sinistra sul futuro di quelle realtà che hanno scelto l’equilibrio, la tutela del territorio, la qualità della vita, attenzione agli abitanti, ai giovani e agli anziani residenti in tanti borghi.
Solerti funzionari ministeriali stanno da anni massacrando le leggi delle regioni e in particolare della Toscana per favorire insediamenti di grandi strutture di vendita in spregio ai programmi e agli impegni politici degli amministratori eletti. Con la novella del “lo vuole l’Europa”, il Governo Monti ha dato il via al peggiore liberismo, promettendo posti di lavoro e sviluppo, ma raccogliendo regressione di occupati, crisi dei consumi e chiusura di piccole imprese, con i centri cittadini privi di vitalità, asfissiati da grandi strutture della distribuzione sulle grandi strade di comunicazione.

Una strategia che è continuata con Letta e che mette la testa fuori anche con il Governo Renzi, aiutata da Autority attente a favorire le grandi imprese a danno di quelle medie e piccole.
I territori hanno diritto di scegliersi il futuro? I toscani come possono difendere le caratteristiche che tutto il mondo ci invidia? Che fare per non assomigliare alle periferie delle megalopoli? Insieme alle eccellenze di Firenze e di qualche grande piazza, esiste una rete di paesi che è una ricchezza aggiuntiva e straordinaria in grado di sostenere un binomio invincibile nel mondo: Florence, Tuscany.

Non è all’ordine del giorno la modernizzazione, ormai il commercio prevede di tutto e di più tanto da perdere per strada imprese e occupati, falcidiati dalla crisi e da una tassazione asfissiante e da strutture della Grande Distribuzione.
Non possiamo arrenderci a una colata di decine di migliaia di metri cubi di scaffali sui cipressi della Val d’Orcia. Per tutto questo chiediamo al Presidente del Consiglio un suo decisivo intervento.’

Fonte: Confesercenti Toscana

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.