Home / Economia / Confcommercio Toscana delusa dalla legge di stabilità nazionale
confcommercio toscana
confcommercio toscana

Confcommercio Toscana delusa dalla legge di stabilità nazionale

Stefano Bottai di Confcommercio Toscana commenta così la bozza di manovra del Governo: “Misure più coraggiose per la ripresa dei consumi”

Qua sotto il commento integrale del presidente regionale sulla legge di stabilità alla luce dei dati presentati dall’Outlook Italia Confcommercio Censis sul clima di fiducia e sulle aspettative

Sulla destra Stefano Bottai

Sulla destra Stefano Bottai

delle famiglie italiane:

“Nel secondo semestre 2013 il 19% non riesce a far fronte alle spese e il 50% prevede di tagliare i consumi. Rispetto alle percentuali nazionali la nostra regione presenta forse meno sofferenza, ma più del 60% delle famiglie toscane ritiene comunque che la loro capacità di spesa sia peggiorata rispetto al 2012. Poche le famiglie che riescono risparmiare qualcosa a fine mese, e sempre più nuclei posticipano i pagamenti.

Si parla di pagamenti come bollette e altre spese obbligate, mentre le somme per cinema e svago sono state già ridotte, come anche quelle per i carburanti e per i generi alimentari. Gli intervistati prevedono per altro di dover stringere ulteriormente la cinghia negli prossimi mesi. Le aspettative rispetto al mercato del lavoro sono molto negative. Dallo studio Confcommercio emerge chiaramente che dalle istituzioni le famiglie si aspetterebbero politiche per il lavoro e misure per la riduzione delle tasse. In questa ottica la legge di stabilità nazionale, sebbene presenti una minima riduzione del cuneo fiscale e una certa avvedutezza nell’indirizzo generale, non può che essere deludente. Sono necessarie misure più coraggiose per far riprendere i consumi”.