Home / Ambiente e Agricoltura / Clean Up The Word, riflettori sul nuovo Parco di San Donato di Firenze
puliamo il mondo firenze 2

Clean Up The Word, riflettori sul nuovo Parco di San Donato di Firenze

A Firenze, il gran finale di Puliamo il Mondo dedicato al nuovo Parco di San Donato e alle sue piste ciclabili, in via di Novoli.

Parchi urbani, riduzione rifiuti e mobilità dolce sono stati i temi principali della versione toscana di Clean up the World. Dopo i riflettori sui mondiali di ciclismo, Firenze si ripulisce nei suoi luoghi più vissuti e popolari. Quest’anno la location, nel capoluogo, è stata quella del modernissimo Parco di San Donato, in via di Novoli. Un luogo a forte carica evocativa dove la

Puliamo il Mondo - Firenze

Puliamo il Mondo – Firenze

questione dell’acqua pubblica s’incrocia con la problematica della riduzione dei rifiuti (in questo caso del PET e del vetro). Il successo dei fontanelli che erogano acqua refrigerata (naturale e frizzante) non è solo un fiore all’occhiello di Publiacqua, bensì soprattutto il clamoroso sintomo di una maturità collettiva più radicata di quanto spesso non si sia disposti ad ammettere in sede istituzionale. La manifestazione di Legambiente ha visto la presenza di Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana, dell’assessore all’Ambiente del Comune di Firenze Caterina Biti, di Filippo Vannoni, presidente di Publiacqua. Con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Firenze, Media Partner: RAI TgR3 Toscana.

I volontari di Legambiente si sono dati appuntamento alle ore 10 (presso il fontanello di Publiacqua) per ripulire il parco da mozziconi di sigaretta, cartacce, piccole porzioni di plastica e di rifiuti di piccola taglia. Fausto Ferruzza, Presidente di Legambiente Toscana ha dichiarato:

“Siamo entusiasti per la straordinaria partecipazione di stamani. Gli alunni delle scuole primarie del quartiere, giovanissimi futuri cittadini di Firenze, i dipendenti di una grande società di servizi, gli studenti americani, i dirigenti di Publiacqua, l’assessore comunale all’Ambiente Caterina Biti. E’ il segno evidente che la XXI edizione di Puliamo il Mondo suggella un percorso di volontariato ambientale che è ormai patrimonio condiviso delle comunità locali. Firenze risponde da questo punto di vista all’appello da par suo con orgoglio e senso della partecipazione. Per questo vorrei ringraziare i responsabili delle scuole, e tutti i graditissimi partner della giornata di oggi!”

Caterina Biti, Assessore all’Ambiente del Comune di Firenze:

“Anche quest’anno si rinnova un appuntamento che è ormai un patrimonio della nostra città e siamo felici di condividere con Legambiente una iniziativa che unisce tutto il mondo. E’ davvero bello vedere la partecipazione di tanti fiorentini, soprattutto i più piccoli: lo vediamo bene nel Parco di San Donato, un grande spazio verde molto frequentato, ma che a volte purtroppo è vittima della maleducazione di pochi. L’educazione, in senso civico, il rispetto per l’ambiente sono valori che ognuno deve portare dentro di sé e ‘Puliamo il mondo’ è l’occasione per dimostrarlo con gesti utili e concreti”

“Siamo felici di aver contribuito a questa iniziativa. Il nostro elemento di riferimento è l’acqua, alla base della vita e vero e proprio motore della natura. – dichiara il presidente di Publiacqua Fillippo Vannoni – Quello che maggiormente ci preme sottolineare è la partecipazione convinta e massiccia di tanti ragazzi: sono loro che dovranno adoperarsi per riportare l’ecosistema a livelli di eccellenza e che sono chiamati promuovere la cultura del risparmio dell’acqua, bene primario e indispensabile”.

“Sostieni ciò che ami”, diventa protagonista della bellezza del nostro Paese! E’ questo l’invito con cui si è aperta e si chiude la XXI edizione di Puliamo il Mondo che ha coinvolto migliaia di cittadini, anche in Toscana, per liberare i parchi, le rive dei fiumi, i boschi, le spiagge e le città dal degrado e per riscoprire la bellezza del nostro paesaggio.

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.