Home / Prima Pagina / CERTALDO – Ambulanza distrutta dai vandali, raccolta fondi della Croce Rossa per l’acquisto di un nuovo mezzo.
ambulanza incidente

CERTALDO – Ambulanza distrutta dai vandali, raccolta fondi della Croce Rossa per l’acquisto di un nuovo mezzo.

La Croce Rossa di Certaldo lancia una raccolta fondi per l’acquisto di una nuova ambulanza a seguito dei vergognosi atti di vandalismo, ancora di mano ignota, che hanno portato all’incendio e alla distruzione di un mezzo di soccorso. Il veicolo infatti non solo è attualmente inoperativo e non può essere perciò di ausilio nelle emergenze, ma non è neanche conveniente da riparare: come spiega infatti il Presidente Mauro Dei, “tutto il rivestimento e le apparecchiature medicali del vano sanitario non più idonee all’attività, quindi è da rottamare perché la stima dei costi per averla certificata per l’emergenza urgenza è pesante e avremmo sempre un mezzo che è stato danneggiato”. La donazione potrà essere effettuata tramite bonifico sull’ IBAN IT27Y0616037810000000001C01 o tramite bollettino postale sul C/C POSTALE. n. 1773879.

Dei ringrazia tutti i volontari e i dipendenti della C.R.I. Certaldo e tutte le realtà sociali che sono state a loro vicine in questo delicato momento e commenta:“ Facendo questo, chi ci ha colpiti ha colpito tutta la comunità locale perché quel mezzo era un mezzo di soccorso a servizio della collettività, sul quale campeggia un simbolo universale di umanità e protezione; quanto accaduto è un atto veramente grave perché ha colpito un mezzo importante del volontariato sanitario, perché è un odioso atto di violenza che colpisce chi, giorno dopo giorno per 365 all’anno senza esclusione di festività, per 12 ore al giorno, in silenzio e con passione si impegna in favore delle persone vulnerabili della propria comunità. Un atto odioso, che ci colpisce nel profondo dell’animo e che risulta ancor più vile per essere stato perpetrato contro beni protetti dall’inviolabile emblema della Croce Rossa in campo bianco, simbolo universale di umanità e protezione, che non può divenire bersaglio di comportamenti depravati”

Fonte : valdelsa.net

Carlo Casini

Giornalista pubblicista, collabora con varie testate e siti come ChiantiSette, BisenzioSette , Isolottolegnaia.it. Sociologo di formazione ed esperto intervistatore, ha lavorato nel mondo della ricerca sociale, del terzo settore e della comunicazione, ma anche nell'ambito agricoltura, ambiente e venatoria. È stato collaboratore direttivo per la Regione Toscana e ha collaborato con Caritas, Mcl, Noi. È innamorato della propria terra, ama il contatto con la natura , riscoprire angoli dimenticati e tradizioni.