Home / Cucina / Carpaccio di carne salada, fresco e gustoso
carpaccio carne salada
carpaccio carne salada

Carpaccio di carne salada, fresco e gustoso

La Carne Salada è un prodotto tipico del Trentino e più in particolare dell’Alto Garda. Ne troviamo traccia in Trentino già in un manoscritto quattrocentesco dal titolo “Libro de cosina composto et ordinato per lo hegregio homo Martino de Rubei de la Valle de Bregna, coquo dell’illustre Signore Johanne Jacobo Trivulzio”. La diffusione della conservazione della carne di bovino si deve probabilmente all’abbondanza di tale materia prima come riporta Michel’Angelo Mariani nel 1671 nel suo libro Trento con il Sacro Concilio et Altri Notabili a pagina 21 raccontando che “li carnaggi in Trento s’hanno preziosi e a buon prezzo tutto l’anno. La Stiria e Pusteria fornisce i buoi, che li vedono venir a caterve di quando in quando”.

carne saladaDopo la frollatura la carne viene pulita accuratamente da nervi e grasso e viene passata in una miscela di sale grosso, alloro, pepe nero, bacche di ginepro, aglio a spicchi schiacciati e rosmarino e poi posta in appositi contenitori in cui rimane per una trentina di giorni. Durante questo periodo la carne deve essere rigirata tutti i giorni. Il liquido che fuoriesce e che coprirà i pezzi di carne non è altro che la salamoia (come si fa’ per le olive) da cui deriva il nome “carne salmistrata” o in dialetto carne salada. Fonte.

Si può consumare cotta, cuocendola in padella per 2 minuti e poi servita accompagnata dai “fasoi” oppure se avete la fortuna di poterla consumare appena tagliata l’ideale è un bel carpaccio, come antipasto o secondo estivo!

Accompagnate le fettine di carne salada con rucola e parmigiano, condendo con olio e limone. Non mettete sale perché è già saporita! Qui è accompagnata dai Pretzel

fonte: Beatitudini in Cucina

Beatrice Rossi

Beatrice, 33 anni. Collabora con Reato d'Opinione per cui tiene la pagina di Storia dell' Arte, in cui è laureata, è food blogger di successo sul suo seguitissimo www.beatitudiniculinarie.it dove racconta le sue ricette in un lungo viaggio alla ricerca di nuovi e vecchi sapori. Artista non solo dei fornelli, nel tempo libero oltre a cucinare ama leggere, disegnare e dedicarsi all'artigianato artistico per cui è creatrice e venditrice.