Home / Cronaca / CAMORRA – Sequestrati 5 locali tra Pisa e Viareggio
guardia di finanza gdf
Guardia di Finanza

CAMORRA – Sequestrati 5 locali tra Pisa e Viareggio

PISA – Nell’ambito della maxioperazione anticamorra che ha colpito duramente il clan dei Contini, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Pisa e dalla Polizia ben cinque locali tra Pisa e Viareggio. In quest’area, sono 12 le persone indagate per i reati di riciclaggio e reimpiego di proventi illeciti nell’economia, nonché intestazione fittizia di valori aggravati da finalità di agevolare organizzazioni mafiosi.

Le attività sequestrate, così come reso noto dalle Fiamme Gialle pisane, sono il bar ristorante “La Passeggiata” di Viareggio, gestito dall’omonima società di cui rappresentante legale è Espedito Parisi; il ristorante-pizzeria “Salustri” di San Giuliano Terme (Pisa), gestito dalla Gbr srl che fa capo a Giuseppina Parisi; il ristorante-pizzeria “L’imbarcadero” di Marina di Pisa, della Elleci di Espedito Parisi; il ristorante-pizzeria “Antico Violetto” di Pisa, gestito da Al.Ma. srl di Carmela Parisi e company; e il ristorante-pizzeria “L’Arciere” di Pisa, gestito da Giuseppina Parisi.

Tutti questi sequestri, spiega la Guardia di Finanza in un comunicato stampa, sono «l’epilogo di lunghe e complesse indagini reddituali ed economiche, completate con attività tecniche e proiezioni investigative in Campania e nel Lazio, incentrate su un gruppo di soggetti che negli ultimi otto anni hanno effettuato grossi investimenti finanziari acquistando società ed esercizi commerciali bene avviati in rinomate zone turistiche di Pisa e della Versilia, utilizzando capitali di provenienza illecita e tentando di aggirare le norme antimafia attraverso l’intestazione formale delle quote societarie a otto prestanome e familiari compiacenti».

I finanziari hanno ricostruito i passaggi di proprietà dei cinque locali sequestrati rilevando una «notevolissima sproporzione tra i capitali impiegati, per milioni di euro e i redditi derivanti da attività economiche lecite dei soci delle società acquirenti, tutti di livello irrisorio». Sono anche stati individuati collegamenti «tra i prestanome e i titolari effettivi, uno dei quali già condannato nel 1986 dalla Corte d’Appello di Napoli per riciclaggio a favore del clan camorristico Edoardo Contini di Napoli e gli sviluppi investigativi hanno consentito di risalire alle rivelazioni di cinque collaboratori di giustizia, che hanno consolidato il quadro accusatorio».

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.