Home / Mondo / CALCIO – ‘Er sistema’ non esiste quando è pro AS Roma
Il gol di Destro segnato in fuorigioco contro il Torino
Il gol di Destro segnato in fuorigioco contro il Torino

CALCIO – ‘Er sistema’ non esiste quando è pro AS Roma

Lettera del direttore a Morgan De Sanctis

Caro Morgan,

non ci conosciamo, ma mi permetto di darti del “tu”. D’altronde siamo quasi coetanei e potresti essere al massimo il mio fratello maggiore. Mi ricordo di quando dicesti, pochi mesi fa, che era il sistema italiano a rendere più forte la Juventus. O “er sistema” come si dice dalle parti dove giochi. Un sistema fatto di aiutini, come direbbe qualche tuo compagno di squadra. Beh, sinceramente, mi sembra che questo sistema funzioni davvero male.

È vero, ci sono state occasioni in cui la Juventus ha avuto qualche grave errore arbitrale a suo favore. Mi riferisco specialmente al gol annullato a Paloschi del Chievo all’andata, alla rete viziata da un fuorigioco di Tévez nel derby di andata col Torino, al rigore non fischiato a El Kaddouri nella stracittadina di ritorno, al rigore inesistente dato a Asamoah all’andata contro il Genoa, al gol di Tévez in fuorigioco contro l’Hellas Verona al Bentegodi (l’off side di Llorente sul primo gol, invece, è da considerarsi passivo, ma questo tu lo sai). Ma è anche vero che la Juventus ha molto da lamentarsi in quelle e in altre partite, anche se tutto è passato sottotono per omertà, per convenienza o per mancanza di tempo.

Il tocco di mano volontario di Estigarribia su sombrero di Pogba in Chievo Verona-Juventus

Il tocco di mano volontario di Estigarribia su sombrero di Pogba in Chievo Verona-Juventus

Vuoi degli esempi, Morgan? A Verona sponda Chievo molto prima dell’episodio di Paloschi non fu fischiato un rigore per un fallo di mano di Estigarribia su “sombrero” di Pogba. Contro il Genoa, all’andata fu concesso un rigore che non c’era, ma ne fu negato un altro solare per fallo di Portanova su Pogba. E al ritorno è stato annullato un gol regolare a Osvaldo. Col Torino, la Juve “protestò” (e uso le virgolette perché è davvero difficile vedere i “gobbi” protestare perché quelli pensano solo a giocare) per una mancata espulsione di Immobile dopo 36 minuti. Certo, non vale come un gol segnato in fuorigioco, ma chissà se il Toro avrebbe retto in 10 contro 11 per 54 minuti più recupero. E, al ritorno, come dimenticare il fallo da rigore di Glik su Llorente. E, a Verona sponda Hellas, non ricordi che Toni aveva segnato in fuorigioco? Oppure il gol regolare annullato a Vidal domenica sera a Catania? Ma proprio tu mi vieni a parlare di “sistema” che rende facile la vita alla Juventus? Sarebbe lo stesso “sistema” che in Coppa Italia contro la Roma fece annullare un gol regolare a Peluso? Lo stesso che allo Juventus Stadium negò un rigore alla Juventus per un chiaro e volontario tocco di braccio in area di Dodô?

Morgan caro, proprio tu… Proprio tu che vincesti il derby contro la Lazio grazie a un gol segnato da un giocatore (Balzaretti) che era uscito dal campo ed era rientrato senza l’autorizzazione dell’arbitro. Proprio tu che a San Siro contro l’Inter ricevesti un rigore a favore per un fallo su Gervinho avvenuto fuori area e che tagliò le gambe ai nerazzurri. Proprio tu che col Livorno passasti in vantaggio con un gol di Destro viziato da un fuorigioco di Gervinho. Proprio tu che a Parma vincesti grazie a un gol di Totti in fuorigioco (millimetrico). Proprio tu che contro la tua ex squadra, il Napoli, ricevesti un rigore inesistente per un fallo commesso da un tuo compagno (Borriello). Proprio tu che ieri contro il Torino hai vinto grazie a un gol segnato in fuorigioco dal tuo compagno Destro. Proprio tu che ieri avresti dovuto perdere Nainggolan per l’entrata killer su Glik. Beh, è davvero strano questo “sistema” che renderebbe più forte la Juventus…

Diciamoci la verità, caro Morgan, in Italia la classe arbitrale non è delle migliori. Ogni giornata ci sono tanti errori e tante polemiche. Guarda la Fiorentina: all’andata col Napoli perse e le fu negato un rigore; al ritorno al San Paolo ha vinto, ma ha ricevuto un “aiutino”, come dite voi a Roma, con l’espulsione di Ghoulam che aveva preso prima la palla e poi Bakic. La stessa Fiorentina che con l’Inter perse grazie a un gol di Icardi in fuorigioco, e che invece col Chievo segnò una rete in fuorigioco. Ma anche all’estero non è che stiano tanto bene: riguardati il rigore fischiato a Cristiano Ronaldo nel Clásico contro il Barcellona… E, poi, se ci fosse stato davvero un sistema calcistico pro Juve, allora i “gobbi” sarebbero dovuti uscire dall’Europa League contro la Fiorentina (in quanto l’arbitro non era italiano), ma invece mi risulta che adesso quella bianconera sia l’unica squadra italiana ancora in lizza nelle competizioni continentali.

Il rigore fischiato su Cristiano Ronaldo in Real Madrid-Barcellona 3-4, ma il fallo di Dani Alves era avvenuto ampiamente fuori area

Il rigore fischiato su Cristiano Ronaldo in Real Madrid-Barcellona 3-4, ma il fallo di Dani Alves era avvenuto ampiamente fuori area

Morgan caro, devi capire che sono cose che succedono. A volte contro, e allora si grida al complotto, e a volte a favore, e allora si sta zitti e la stampa “amica” fa il resto. Il calcio di oggi è giocato a ritmi elevatissimi ed è chiaro che ci possa scappare qualche errore da parte dei direttori di gara. D’altronde sono degli esseri umani e come voi calciatori possono sbagliare. Ti ricordi della tua papera quando giocavi col Napoli contro la Fiorentina o quella più recente a Bergamo contro l’Atalanta con la maglia della Roma? Tutti possiamo sbagliare. Ma su una cosa hai ragione. Esiste un sistema che è completamente sbagliato. Ed è il sistema del calcio italiano, iper esasperato soprattutto dagli addetti ai lavori. È un sistema fatto di giornalisti che evitano di parlare degli errori arbitrali a favore di alcune squadre, ma trattano l’argomento sempre a senso unico per alimentare i venti complottisti (arrivando a fomentare anche la furia delle frange più estreme del tifo, con le quali non si scherza), e di allenatori, presidenti e giocatori che non pensano a fare il loro lavoro, ma a gettare sempre più benzina sul fuoco.

Caro Morgan, ti do un consiglio. Dì ai tuoi compagni di fare così: dopo una decisione arbitrale avversa, fate come se la decisione fosse a vostro favore. Continuate a giocare, come fa la Juventus sia quando le fischiano a favore o contro, invece di smettere per crearvi degli alibi. Solo in questa maniera potrete un giorno alzare qualche trofeo.

@MarcoGargini

PS: Auguri di buon compleanno.

Marco Gargini

Già firma de “il Corriere di Firenze”, “il Nuovo Corriere di Prato”, “il Vostro Quotidiano”, ha collaborato anche con “ItaliaCalcioa5.it”. È stato radiocronista per “Radio Antenna Toscana 1” e “Radio Bruno” e inviato sui campi dilettantistici di calcio a 5 per “Rete 37”. Appassionato di sport e catalanista, nel 2010 è stato nominato ambasciatore in Toscana per la Plataforma Pro Seleccions Esportives Catalanes.