Home / Ambiente e Agricoltura / Caccia, Toscana, Umbria e Friuli al Governo: ‘Non anticiperemo chiusura per tordo e cesena’
cesena

Caccia, Toscana, Umbria e Friuli al Governo: ‘Non anticiperemo chiusura per tordo e cesena’

Tordo bottaccio e cesena: per la Regione Toscana la chiusura della caccia a queste specie deve restare il 31 gennaio.

Questo in sostanza il contenuto di una lettera che l’assessore all’agricoltura e alla caccia, Gianni Salvadori, ha scritto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. La lettera è firmata anche dai colleghi della Regione Umbria, Fernanda Cecchini e Friuli Venezia Giulia, Paolo Panontin, ed è inviata anche ai ministeri dell’ambiente e dell’agricoltura. La questione nasce dal fatto che il Ministero dell’ambiente aveva richiesto di anticipare la chiusura del prelievo venatorio a tordo bottaccio e cesena al 20 gennaio, anzichè al 31 gennaio come previsto dai calendari venatori di Toscana, Umbria e Friuli Venezia Giulia. I tre assessori fanno presente al Governo che i rispettivi calendari venatori sono stati regolarmente approvati nel rispetto della legge nazionale sulla caccia (legge 157 del 1992) che indica espressamente il termine del 31 gennaio per queste specie. Dopo aver ribadito la correttezza dei rispettivi calendari venatori i tre assessori fanno presente al Governo di ritenere mancante dei presupposti e sproporzionato un eventuale intervento sostitutivo del Governo stesso e chiedono un confronto, che definiscono non più procrastinabile, con tutti i ministeri competenti, in vista della predisposizione dei calendari venatori per la prossima stagione.

Fonte: Giunta della Regione Toscana

Marco Palazzi

Fiorentino, 25 anni, si è laureato in Media e Giornalismo all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Sociologia della Comunicazione. Giornalista freelance, collabora dal 2010 con testate di rilievo regionale. Nel 2013 entra far parte della redazione di Toscana News