Home / Arezzo / AREZZO – ‘Yulè, la ruota dell’anno’ l’ Orchestra Multietnica Giovanile di Arezzo
enricofink

AREZZO – ‘Yulè, la ruota dell’anno’ l’ Orchestra Multietnica Giovanile di Arezzo

Si conclude sul palcoscenico della Casa delle Culture il laboratorio che ha visto la nascita dell’OMA Giovanile

Sabato 17 gennaio 2015 debutto tra teatro e musica dell’Orchestra Multietnica Giovanile di Arezzo, la sezione under 18 dell’OMA, l’Orchestra Multietnica di Arezzo. Appuntamento alle ore 17:30 presso la Casa delle Culture, in Piazza Fanfani, con ingresso libero. Tenendo fede alla propria missione d’incontro e confronto culturale, l’OMA Giovanile si esibirà in Yulè – La ruota dell’anno, un testo di Gianni Micheli, scritto appositamente per l’occasione, dedicato all’esplorazione, giocosa e con un occhio ai più piccoli, dei racconti interculturali tra mito, favola e realtà, legati al solstizio d’inverno, ai riti del Natale e del passaggio dell’anno, tra buio e luce, paura e speranza.

L’evento, che vede la partecipazione attoriale di Gianni Micheli e Agnese Grazzini – le musiche sono firmate da Enrico Fink – chiude un percorso laboratoriale di oltre 3 mesi ed è organizzato da Officine della Cultura in collaborazione con Comune di Arezzo, Casa delle Culture, Orchestra Multietnica di Arezzo e Liceo Musicale Francesco Petrarca, con il contributo di Unicoop Firenze – Sezione soci di Arezzo e rientra nell’ambito delle iniziative legate alla Festa della Toscana 2014. Le famiglie sono invitate!

Fanno parte dell’Orchestra Multietnica Giovanile di Arezzo: Teodora Berza (flauto), Alessandro Cherubini (chitarra), Antonio Colucci (percussioni), Francesco Dondi (sassofono), Raul Ganea (clarinetto), Elia Gonnella (chitarra), Gea Gonnella (violino), Ilaria Landucci (flauto), Davide Mendez (fisarmonica), Davide Panichi (tromba), Matilde Rosati (flauto), Roberta Stancu (violino), Alberto Tirabosco (percussioni).

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.