Home / Ambiente e Agricoltura / AGRICOLTURA – Comicent, ascoltata la liquidatrice Lorenzi
agrcoltura
agricoltura

AGRICOLTURA – Comicent, ascoltata la liquidatrice Lorenzi

La commissione presieduta da Rossetti ha acquisito informazioni sul mancato ritiro delle lettere di licenziamento inviate ai cinque dipendenti del consorzio di Pescia

Firenze – Il caso del licenziamento di cinque lavoratori del consorzio Comicent di Pescia che ha di recente cessato le attività produttive è stato al centro, questa mattina, dell’audizione della commissaria liquidatrice del consorzio stesso, Elena Lorenzi, chiamata in commissione Agricoltura a dare spiegazioni sull’intera vicenda e in particolare sul mancato ritiro delle lettere di licenziamento auspicato nei giorni scorsi dai sindacati.

“Non è stato possibile ritirare il provvedimento di licenziamento in quanto, se così si facesse, vorrebbe dire che vengono automaticamente meno le ragioni della cessazione delle attività del Comicent e questa è una strada purtroppo impraticabile”, ha affermato la Lorenzi, che ha però aggiunto che “nei giorni scorsi avrei piuttosto voluto avviare un confronto ufficiale con i sindacati in modo da individuare le migliori soluzioni possibili, ma ciò non è stato possibile”.

Nella commissione presieduta da Loris Rossetti, Pd, stamani erano presenti anche il Comune di Pescia e l’Uncem. Secondo quanto ha affermato la Lorenzi “per i cinque lavoratori sono in ogni caso disponibili due diverse opzioni che consentirebbero loro di avere altri sbocchi lavorativi” anche se la stessa Lorenzi, poi, ha precisato che “entrambe le soluzioni, una a tempo determinato e l’altra a tempo indeterminato, non garantirebbero però ai lavoratori i medesimi trattamenti economici del Comicent”.

Il presidente Rossetti, a nome della commissione, ha ringraziato per le informazioni ricevute e ha promesso “la massima attenzione”

fonte: Ufficio stampa Consiglio Regionale Toscana

Agricoltura: Comicent, ascoltata la liquidatrice Lorenzi

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.