Home / Arezzo / Aboca pronta a lasciare la Valtiberina. Troppi pesticidi nei terreni confinanti
aboca

Aboca pronta a lasciare la Valtiberina. Troppi pesticidi nei terreni confinanti

Valentino Mercati, fondatore di Aboca e alla guida dell’azienda dal 1978, minaccia di abbandonare la Valtiberina e la Provincia di Arezzo a causa di un indiscriminato, a dir suo, utilizzo di pesticidi da parte degli agricoltori confinanti con i suoi terreni.

I problemi tra l’azienda, che pratica esclusivamente agricoltura biologica sin dal 1978 per la produzione di erbe officinali e altre erbe per usi erboristici e farmaceutici, e gli agricoltori proprietari dei terreni confinanti, va avanti da inizio anno e questa volta le minacce della proprietà di abbandonare la Valtiberina e di conseguenza la Toscana pare molto più concreta. Le dichiarazioni di mercati di questi giorni sono molto molto dure e tirano in ballo anche la politica, colpevole di aver sottaciuto le richieste di Aboca per un maggior controllo delle attività che usano pesticidi e altri prodotti simili:

«I sindaci e l’economia locale non ci ascoltano e noi siamo pronti a trasferire le produzioni altrove. Non possiamo continuare a lavorare qua: ho rinunciato a tutte le azioni che avevo intrapreso verso chi inquina usando prodotti chimici in agricoltura, ma ora devo anche rinunciare alla presenza delle coltivazioni della mia azienda inValtiberina. Stiamo già lavorando da qualche tempo con la Valdichiana – ha proseguito – dove abbiamo già molti ettari per le nostre colture biologiche e stiamo pensando di delocalizzare in alcune zone del Marocco una consistente parte della produzione agricola».

Valentino Mercati, ha così esternato il suo disappunto durante il convegno Tabacco e territori biologici tra sviluppo rurale e diritti: la conversione si può e conviene a tutti tenutosi nel Comune di Sansepolcro. Convegno al quale, oltre agli esponenti politici del comune erano presenti numerosi medici, imprenditori, ambientalisti, docenti, agronomi e produttori di tabacco.

Aboca sembra sempre più lontana dalla Valtiberina e dalla Toscana, colpevoli secondo Mercati, di non aver saputo ascoltare le sue richieste e non aver creduto nello sviluppo di alcuni tipo di coltivazioni, focalizzandosi esclusivamente o quasi sulla coltivazione del tabacco, storicamente diffusa nella zona.

 

 

Francesco Acciai

Nato a Bibbiena, paese più grande del Casentino in Provincia di Arezzo nel 1985. Vive a Firenze da oltre 7 anni e si occupa di Pubblica Amministrazione, di Web Grafica e SEO. Appassionato di fotografia e del mondo Android, segue costantemente l'evolversi di tutto quello che è tecnologia