Home / Ambiente e Agricoltura / ABBADIA SAN SALVATORE – Trekking sul Monte Amiata: ecco quattro nuovi sentieri immersi nella natura per turisti e sportivi
Monte Amiata

ABBADIA SAN SALVATORE – Trekking sul Monte Amiata: ecco quattro nuovi sentieri immersi nella natura per turisti e sportivi

L’inaugurazione sabato 23 agosto ad Abbadia San Salvatore. Nella stessa giornata si terrà anche il primo Trail dell’Amiata

Trekking sul Monte Amiata: i percorsi – della Miniera, di S. Antonio, della Cipriana e del Capomacchia – di lunghezza e difficoltà diverse, saranno segnalati con differenti colori. Sono stati pensati sia per camminatori senza particolari velleità sportive che per appassionati esperti di bici o trekking

 Quattro percorsi per scoprire le meraviglie del Monte Amiata da una prospettiva diversa, “inedita” a turisti e appassionati di trekking e bici. Verranno inaugurati sabato 23 agosto, ad Abbadia San Salvatore, quattro nuovi sentieri che permetteranno di raggiungere dalla città amiatina i luoghi più suggestivi del Monte, attraverso itinerari adatti sia a camminatori senza particolari velleità sportive che ad appassionati esperti di bici o trekking. Itinerari diversi che si sviluppano lungo sentieri sicuri, facilmente individuabili, che partono e tornano ad Abbadia San Salvatore e consentono anche ai meno esperti di godere della meraviglia dei boschi di castagni e faggi.

Dai 50 minuti del percorso rosso (quello della Miniera, lungo 4,3 km), alle 5 ore del percorso viola (detto del Capomacchia, lungo 22,5 km), passando per il sentiero di S. Antonio (di colore marrone, 9,8 km per circa 2 ore di percorrenza) e quello della Cipriana, di colore azzurro (12,5 km di lunghezza, percorribili in circa 2 ore e 20), sarà infatti possibile per ognuno elaborare un itinerario ideale in base alle proprie esigenze, seguendo la segnaletica che attribuisce a ciascun percorso un colore diverso. Si potranno così costeggiare i siti della vecchia Miniera – entrando all’interno dello stabilimento minerario – o camminare lungo castagneti e pinete, percorrendo la vecchia strada che collegava Abbadia San Salvatore a Piancastagnaio; raggiungere i ruderi di Montarioso – dove in un’ampia radura è possibile scorgere un bellissimo panorama della montagna – o spingersi all’interno della secolare faggeta. In occasione dell’inaugurazione dei sentieri, sabato 23 agosto, si terrà anche il primo Trail dell’Amiata, con la camminata non competitiva a partire dalle 17.30 e, dalle 18, la gara vera e propria.

I quattro sentieri,  vanno incontro ad un’esigenza da tempo sentita sia dagli abitanti di Abbadia San Salvatore che dai turisti per apprezzare la bellezza di una camminata nei boschi di castagni e faggi nelle 4 stagioni dell’anno: poter fare escursioni lungo sentieri sicuri, facilmente individuabili, che partissero e tornassero in paese e consentissero anche ai meno esperti di percorrere tranquillamente i percorsi del bosco. La logica che unisce i quattro sentieri è quella di arrivare nei punti più caratteristici del Monte Amiata su percorsi percorribili sia a piedi che in mountain bike con diverse lunghezze e livelli di difficoltà. Individuare i percorsi è molto facile, perché tutti hanno come punto di partenza/arrivo lo stadio comunale di Abbadia San Salvatore e sono caratterizzati da un diverso colore nella cartellonistica.

1 – Percorso “della Miniera”

Caratterizzato dalla segnaletica di colore rosso, è il più breve (4,3 Km).
Presenta poche asperità e arriva ad una altitudine di 985m, permettendo di vedere i siti della vecchia Miniera (entrando all’interno dello stabilimento minerario), costeggiando il punto panoramico del laghetto verde, la vecchia ciminiera e la polveriera per poi tornare ad Abbadia San Salvatore. Un camminatore impiega circa 50 minuti a percorrerlo.

2 – Percorso di “S. Antonio”

Caratterizzato dal colore marrone, è lungo 9,8 Km.
Presenta qualche difficoltà ed arriva ad un altitudine di 1068 m, e un camminatore impiega circa 2 ore per percorrerlo. Si snoda lungo castagneti e pinete, percorrendo la vecchia strada che collegava Abbadia San Salvatore a Piancastagnaio per arrivare al vecchio podere di S.Antonio e della Cipriana, situati intorno ai 1000 slm, per poi ridiscendere ad Abbadia San Salvatore, collegandosi nella parte finale agli altri sentieri.

3 – Percorso della “Cipriana”

Caratterizzato dal colore azzurro, è lungo 12,5 Km. P
resenta difficoltà simili al precedente, arriva ad una altitudine di 1068 m e un camminatore impiega circa 2 ore e 20 minuti per percorrerlo. Si sviluppa tra castagni e pinete percorrendo la vecchia strada che collega Abbadia San Salvatore e Piancastagnaio fino al podere di Cerro del Tasca, per poi andare ai ruderi di Montarioso dove in una ampia radura è possibile scorgere un bellissimo panorama della montagna prima di arrivare in loc. Cipriana da dove inizia la discesa per Abbadia San Salvatore.

4 – Percorso del “Capomacchia”

Caratterizzato dal colore viola, è lungo 22,5 Km.
È certamente molto più impegnativo: oltre ai castagni e alle pinete si spinge per una buona parte all’interno della secolare faggeta, per arrivare fino ai 1530 slm a poche centinaia di metri dalla vetta del monte, e un buon camminatore impiega 5 ore e venti minuti per completarlo. All’inizio segue la parte iniziale del percorso precedente, da cui si stacca con una imperiosa salita per arrivare alla capanna del Capomacchia, per poi congiungersi alla strada di “Rigale” nel punto massimo da cui parte la discesa verso Abbadia, dopo essere passati dalle caratteristiche località di Catarcione e i suoi castagni secolari dell’Acquapassante con le sorgenti di acqua sulfurea, della chiesetta dell’Ermeta, del Laghetto Verde e della Ciminiera, prima di congiungersi agli altri sentieri per raggiungere il paese.

Per informazioni e prenotazioni servizi turistici: Ufficio IAT Terre di Siena Amiata, Via Adua 21 – tel. 0577.775811 – infoamiata@terresiena.it Per informazioni per la gara: www.amiatarunners.it

Fonte: Terre di Siena

Redazione

La redazione di Toscana News inizia la sua attività nella primavera del 2013 mettendo assieme l’esperienza e le capacità di un gruppo di giovani giornalisti toscani che credono si possa fare informazione in un modo nuovo e con un progetto al passo coi tempi ed in stretto contatto con i propri lettori.